Caccia al muflone in Spagna

Jerome Cuesta 5 mesi fa

UN ANGOLO MERAVIGLIOSO

Nell'intento di scoprire nuove terre, abbiamo intrapreso il viaggio alla ricerca di stambecchi e mufloni spagnoli. Se già cacciare a quelle latitudini diventa complicato, pretendere di combinare due specie diverse in soli 4 giorni e anche cercare di registrare tutto su un video, è stata una sfida davvero avvincente.

Le piccole città incastonate tra grandi pendii di pietra rossa hanno offerto uno scenario stupendo. Come cambia la gamma di colori da nord a sud!

E chi poteva dirmi che le terre rosse di Valencia nascondono quei tremendi burroni che si perdono tra enormi distese di pini secolari?

Nei primi due giorni cominceremo con lo stambecco per proseguire con il muflone, perché non frequentano le stesse aree. Tuttavia, è sempre possibile che una delle due specie incroci il vostro cammino.

CONTROVENTO

La prima mattina di caccia è sempre qualcosa di speciale, caratterizzata da un desiderio traboccante e da aspettative elevate che si spingono fino alle nuvole, prima di essere confrontati con la realtà di essere realmente sul campo. In questa occasione, le complicate condizioni meteorologiche con raffiche di 40 km/h stavano per complicare i nostri piani per la giornata, in particolare quando una forte raffica di vento ha rovesciato il treppiede che reggeva la fotocamera (che si può vedere nel video), rompendo la parte basculante, ma fortunatamente, senza danneggiare seriamente la fotocamera.

La giornata è iniziata male ed è stato difficile individuare qualche stambecco che cercava riparo nascondendosi tra i pini. Come si sa, in giornate come queste la caccia non è favorevole, perché uno dei suoi principali organi di difesa, l'udito, viene annullato e questo può costare caro.

Con sentimenti contrastanti, siamo tornati all'ostello per riposare e recuperare le forze.

Il giorno successivo, è stato più o meno lo stesso, con raffiche molto forti che hanno impedito ai maschi di stambecco di muoversi, i quali, nonostante il caldo, hanno preferito attendere condizioni migliori. Girando e rigirando, alcune capre e giovani maschi sono apparsi fugacemente tra i pendii ricoperti di querce spinose e pini. La giornata è proseguita senza molto da raccontare, se non il fatto di trovarsi in un luogo davvero imponente.

Arrivò il pomeriggio e i venti si attenuarono abbastanza da permettere a un maschio di abbassare la guardia su una collina costellata di radure. Stava pascolando al calore degli ultimi raggi del tardo pomeriggio che riscaldavano il suo corpo. È stata una guida a scovarlo casualmente, quando stavamo già discutendo di tornare al villaggio. Una rapida occhiata ci ha permesso di constatare che si trattava di un esemplare con le caratteristiche desiderate, il che ci ha fatto venire voglia di approfittare di un'opportunità che sicuramente non si sarebbe ripresentata presto.

Sebbene la caccia sia già di per sé un'impresa difficile, il tentativo di registrarla aumenta notevolmente la complessità. Chi porta con sé un dispositivo di registrazione in montagna sa cosa intendo.

Fortunatamente, siamo riusciti ad avvicinarci abbastanza da poter effettuare una ripresa relativamente facile, nonostante i forti sbalzi d'aria che hanno complicato il puntamento dell'arma. Come sempre, l'impatto preciso della RWS UNI CLASSIC da 300wm ha fatto il suo lavoro, trasformando un altro animale in un ricordo indelebile.

Quando, nonostante tutti gli sforzi, la caccia diventa complicata e si ha difficoltà a raggiungere l'obiettivo desiderato, questi colpi di fortuna imprevedibili lasciano un sapore difficile da descrivere. Prima o poi, lo sforzo e la perseveranza vengono sempre premiati.

Il terzo giorno, siamo andati in esplorazione in cerca del muflone, dirigendoci in una zona diversa e affrontando il peggiore dei quattro giorni di vento. Le cose si sono complicate, poiché al mattino abbiamo avvistato molta selvaggina, un certo numero di giovani mufloni da molto lontano. Sembrava che resistessero meglio al vento rispetto agli stambecchi. E nel pomeriggio, con il vento più calmo, non abbiamo visto assolutamente nulla. Il terzo giorno terminò senza che accadesse nulla di interessante. Ci restava solo un altro giorno, l'ultimo.

MAI SOTTOVALUTARE UN'ULTIMA OPPORTUNITÀ

L'ultima mattinata di caccia, con più speranza che fede, siamo saliti sulla Land Rover e ci siamo diretti verso il terreno di caccia. Il vento era molto forte e la mia volontà di continuare a registrare stava scemando, perché non immaginavo di portare a termine con successo la caccia al muflone, un animale da trofeo (più complicato se non addirittura impossibile). La mattinata è andata male, con pochi avvistamenti di animali e con scarse aspettative di ottenerne altri.

Nel pomeriggio, con il morale davvero basso e stanchi di cercare attraversando un terreno difficile da percorrere e che mette a dura prova gli scarponi a causa delle pietre appuntite e delle sterpaglie che tagliano facilmente il materiale, stavamo per arrenderci e porre fine alla giornata di caccia, quando abbiamo individuato una coppia di superbi mufloni.

I nostri sforzi sono talvolta ricompensati da colpi di fortuna in cui sembra che la montagna voglia gratificarci per le molte ore di dedizione, interpretazione, registrazione, editing, studio, amore e passione che mettiamo in ogni attività venatoria.

E giocando questa partita, si è presentata un'opportunità. Dovevamo avvicinarci a una coppia di grandi mufloni maschi che si crogiolavano tranquillamente al sole su una collina a circa 350 metri di distanza. Ci siamo avvicinati lentamente e con calma, facendo molta attenzione a non essere visti. Nonostante i suoi occhi esteticamente poco attraenti, il muflone ha una vista davvero straordinaria, quindi bisogna fare molta attenzione quando ci si muove per non essere visti.

Una volta avvicinati a sufficienza, abbiamo aspettato che si alzassero da terra. Non ci piace particolarmente sparare alla selvaggina sdraiata. In primo luogo, per rispetto, e in secondo luogo perché le probabilità di colpire nel posto sbagliato sono molto elevate – e se c'è qualcosa che infastidisce noi appassionati, è lasciare animali feriti nella boscaglia.

I mufloni si sono presi il loro tempo prima di alzarsi. La tensione cresceva; si trattava di un “tutto o niente”. Un solo colpo, un'ultima cartuccia. I minuti passavano come se fossero ore, finché, senza aspettarcelo, li vedemmo dare a mio padre un'opportunità che sfruttò con la temperanza che gli anni di esperienza danno a chi persiste.

Un colpo preciso con la RWS UNICLASSIC e l'animale cadde a pochi metri di distanza. Come potete immaginare, è stato un momento di grande emozione, che non vi descriverò nei dettagli, perché credo che il video esprima bene questa sensazione.

Essere armati con munizioni assolutamente affidabili dà un senso di sicurezza nei momenti di grande tensione.

Siamo riusciti ad uccidere due specie diverse in un luogo davvero bello e nuovo per noi. Queste esperienze sono quelle che, a poco a poco, riempiono la vita di ricordi che solo coloro che amano le montagne e godono della natura hanno la capacità di giudicare equamente.

Per concludere, voglio esprimere la mia gratitudine a Valencia e a tutte le persone che, con impegno e dedizione, salvaguardano e curano con tanto amore questo luogo nascosto, permettendo a un umile cacciatore come me di goderne e di aggiungerlo alla sua lista di escursioni nella natura.

Non avendo altro da dire, vi lascio con il resoconto video e spero che vi piaccia.

Vi auguro tutto il meglio,

Jerome Cuesta